La tua pelle è pronta per l’estate?

Ormai ci siamo, l’estate è qui! Qualche fortunato è già partito per le vacanze e qualcuno sta contando i giorni prima della partenza. Ecco allora qualche piccolo suggerimento per preparare la pelle al sole.

1 – Acqua, acqua, acqua.

Facile e alla portata di tutti, bere tanta acqua è davvero un toccasana. Per prevenire la secchezza della pelle, preparati una bottiglia da 2 litri di acqua da bere durante giorno.

Bere acqua ti aiuta a regolare il senso di sazietà, a metabolizzare i grassi, a eliminare meglio le tossine e i batteri accumulati, a tutto vantaggio di una pelle giovane.

2 – Alimentazione

Tra i cibi “amici della tua pelle”, oltre alle carote (che contengono carotene precursore della vitamina A), ci sono i pomodori, che sono ricchi di licopene, potente antiossidante utile per combattere l’azione dei radicali liberi. E poi frutta e verdura  a volontà a partire da:

Carote Radicchi 

Albicocche 

Cicorie e lattughe 

Meloni gialli

Sedano

Peperoni

Pomodori

Pesche

Cocomeri e ciliegie

3 – Un poco al giorno

Un’esposizione graduale è di grande aiuto alla  tua pelle. Se hai la carnagione molto chiara, anche solo 10 minuti potrebbero essere già tanti. In tutti i casi, per capire come orientarti, specialmente le la tua pelle è delicata o se evidenzia già qualche problema, rivolgiti ad un professionista che sappia darti i giusti consigli per mantenere un aspetto giovane e sano.

4 – Il parere di un professionista

Se hai la pelle delicata, se ti sei sottoposto ad interventi o a un trattamento al botulino, occorre un’attenzione in più.  Tuttavia ricorda che “La tossina botulinica previene le rughe di espressione che si accentuano in mezzo agli occhi per il riverbero del sole, mentre l’acido ialuronico non soltanto riempie le rughe ma porta idratazione a una pelle disidratata dal sole” (*).

Per una consulenza professionale:

Cell. +39 347.32.20.884

e-Mail info@dottoressa-stelian.it

(*)Fonte: https://www.tantasalute.it/articolo/filler-e-botulino-d-estate-tutto-quello-che-bisogna-sapere/18813/ – Maurizio Benci, Dermatologo e Vicepresidente della Società Italiana Dermatologia Estetica e Correttiva

Peptidi dermici, favolosi nella bio-stimolazione ed efficaci nelle adiposità localizzate

I peptidi bioattivi sono composti proteici, in genere costituiti da 2-50 aminoacidi, che si sono rivelati utili in molti per:

  • modulare l’espressione di proteine della matrice extracellulare cutanea, come il collagene, l’elastina e la melanina;
  • esercitare un’azione protettiva nei confronti di microrganismi patogeni;
  • modulare l’attività del sistema immunitario, controllando l’eventuale sviluppo di reazioni;
  • autoimmuni ed altri disordini dermatologici come la rosacea, la dermatite atopica e la psoriasi;
  • stimolare la produzione di melanina, garantendo un’azione foto protettiva. E’ noto infatti come l’esposizione alle radiazioni ultraviolette risulti responsabile di un precoce invecchiamento cutaneo, evidenziabile anche con la comparsa di inestetismi cutanei come lentiggini, macchie solari, rughe e solchi. La capacità di queste molecole di controllare l’espressione di melanina, risulterebbe utile anche nel controllare le classiche discromie che si osservano nel fotoinvecchiamento.

I peptidi bioattivi evidenziano anche molte altre proprietà; si sono infatti rivelati utili per:

  • proteggere la cute dall’invecchiamento cutaneo precoce. Studi dimostrano infatti come i residui finali del pro-collagene I, proteina presente normalmente nella pelle, possano indurre la sintesi di altro collagene stimolando l’attività dei fibroblasti.
  • indurre la sintesi di acido ialuronico e fibronectina, preservando così le caratteristiche strutturali della pelle come lucentezza, idratazione e turgidità.
  • facilitare la guarigione delle ferite, attività determinata sia dall’azione antimicrobica di questi peptidi bioattivi, utile nell’evitare possibili complicanze infettive, sia dalla capacità di modulare i processi infiammatori-riparatori, efficaci nel facilitare il processo di deposizione di collagene e di riepitelizzazione;
  • mantenere una pelle sana e giovane grazie alle potenzialità anti-aging.

I peptidi dermici si sono rivelati molto efficaci nella bio-stimolazione e nel contrastare le adiposità localizzate.

Se desideri conoscere tutte le potenzialità dei peptidi dermici nella bio-stimolazione e nel contrastare le adiposità localizzate:

Dott.ssa Stelian

Cell. +39 347.32.20.884
e-Mail info@dottoressa-stelian.it

Testo liberamente tratto da: https://www.x115.it/articoli/peptidi-bioattivi.html

Remise en forme primavera 2018

Stai pensando a come fare per rimetterti in forma? La primavera è arrivata e tu vuoi dare una svolta alla tua vita? Ecco alcuni suggerimenti semplici per iniziare.

1 – Traguardi raggiungibili

Il primo modo per “svoltare” è farlo in modo graduale e senza sensi di colpa. Ogni cambiamento graduale è un cambiamento che si radica piano piano in noi e che rimane. É importante allora fissare dei traguardi raggiungibili, magari scriverli

2 – Una strategia dentro e fuori

È la regola d’oro alla base di ogni programma efficace: per rimettere in forma il corpo dopo l’inverno serve una strategia integrata, che combini un approccio “dentro e fuori”. L’equilibrio dell’organismo è infatti spesso alterato dall’accumulo di tossine (esogene ed endogene) che possono provocare, oltre che uno stato di malessere e stanchezza generale, stati infiammatori a livello superficiale di cute e derma ma anche del sistema linfatico. In questo caso sempre meglio evitare il “fai da te” e rivolgersi a professionisti fidati.

3 – Veloce e a costo Zero

Un “rimedio” molto in voga tra i professionisti della boxe, ma anche  tra tantissime top model, è il salto della corda. Saltare la corda è un ottimo allenamento cardiovascolare che brucia i grassi mentre tonifica gambe, glutei, braccia e addominali tutto in uno. Bastano 20 minuti a casa per un allenamento fast e completo, che migliora la resistenza, agilità e tono generale.

4 – L’acqua amica

Se stai cercando realmente di rimetterti in forma con un programma che duri nel tempo, hai un prezioso alleato: l’acqua. L’acqua bevuta nella giusta quantità, disintossica. Disintossica al mattino bevuta tiepida e disintossica bevuta a sorsi durante la giornata. disintossicarsi non è solo un obbiettivo al quale ambire per il benessere fisico; quando il nostro corpo è leggero e disintossicato, la nostra mente è più vivace, brillante e aperta al nuovo, e questo è sicuramente il miglior modo per salutare la primavera.

L’acqua è un prezioso alleato anche se desideri riattivare la circolazione. bagni tiepidi alternati a docce fresche, sono un toccasana da questo punto di vista.

Ma se il tuo desiderio è quello di ritrovare freschezza con un intervento professionale, puoi rivolgerti alla Dottoressa Stellina, medico chirurgo specializzato in chirurgia estetica.

Per informazioni e per chiedere un appuntamento:

Dott.ssa Stelian

Cell. +39 347.32.20.884

E-Mail info@dottoressa-stelian.it

Spunti liberamente tratti da: http://www.iodonna.it/bellezza/viso-e-corpo/gallery/corpo-20-consigli-per-la-remise-en-forme-di-primavera/?img=6

Primavera in forma

La primavera si avvicina e tu ti senti stanca? Niente paura, puoi iniziare dalla natura per rimetterti in forma.

Primo aspetto da considerare è che se il tuo corpo e la tua mente sono stanchi, come sempre, conviene ascoltarli.

Il tuo corpo-mente è un’unità che “la sa lunga” su di te. Contiene un’intelligenza ben più antica del nostro  continuo rimuginare, un’intelligenza racchiusa nella materia che chiede solo di essere ascoltata per riportarti al benessere.

Ecco, intanto, alcuni preziosi integratori per rimetterti in forma:

Pappa reale

È l’unico alimento dell’ape regina e le consente di vivere molto più a lungo (oltre 5 anni) rispetto alle api operaie, che vivono in media 60 – 90 giorni. La pappa reale è una fonte preziosa di minerali, proteine, lipidi e vitamine del gruppo B. A tutti gli effetti, è un validissimo aiuto per superare lo stress del cambiamento climatico. È un ottimo ricostituente, facilita l’apprendimento, aiuta la memoria, regolarizza l’appetito e il tono dell’umore.

È perfetta anche per i bambini e gli anziani come ricostituente, specialmente in situazioni di cambio di stagione e/o di convalescenza.

Ferro

Il primo segnale della carenza di ferro è la stanchezza. Questo minerale è indispensabile per catturare l’ossigeno e portarlo nel sangue.

I cibi ricchi di ferro sono le verdure  verdi, i germogli, i fichi, i pinoli, le lenticchie, i cereali integrali, il miglio, le alghe (dulse) e la carne.

L’assorbimento del ferro è facilitato dall’assunzione di vitamina C ed è contrastato dall’assunzione di vitamina E, caffè, the. Un buon modo per iniziare il pasto è con un’insalata condita con del limone. Per migliorare l’assorbimento di Ferro puoi aggiungere cannella, noci tritate o timo ai tuoi piatti.

Omega 3

Gli acidi grassi essenziali Omega 3 contenuti nelle sardine, nel salmone nelle aringhe e nei semi di lino, per esempio, possono ridurre il rischio cardiovascolare e prevenire le aritmie cardiache, abbassano i livelli di trigliceridi ematici, diminuiscono l’infiammazione.

L’acido alfa linolenico porta alla produzione di prostaglandine E3 con azione antinfiammatoria.

Alimentazione

Prediligi sempre frutta e verdura di stagione poiché la natura stessa ti dona le sostanze utili per star meglio e affrontare la primavera con il sorriso. In ambito alimentare, puoi ricordare pochi utili consigli per rimetterti in forma:

consuma cibi freschi, non conservati o congelati

prediligi germogli e semi, alimenti ricchi di vita

se puoi, evita la cottura con microonde che a tutti gli effetti, genera notevoli cambiamenti nella struttura del cibo che mangi

limita il consumo di zuccheri e poli cotti.

E se vuoi ritrovare un volto fresco, se vuoi salutare la primavera con qualche anno in meno, conta sulla consulenza e il supporto di un professionista:

Dott.ssa Stelian
Medico Chirurgo
Specialista in chirurgia plastica ed estetica

Cell. +39 347.32.20.884
E-Mail info@dottoressa-stelian.it

http://www.dottoressa-stelian.it/contattare-dottoressa-stelian/

Spunto liberamente tratto da: http://www.donnad.it/bellezza-in-armonia/benessere/in-forma/primavera-in-tutta-forma

L’arte di fabbricare mattoni unici, il mio augurio

Come professionista medico, il miglior augurio che posso fare a tutti è, indubbiamente, di salute.

Salute in ambito fisico ed anche pace nel cuore. So che ci possono volere anni di vita per trovare pace interiore, ammesso che una sola vita basti; tuttavia credo che questa sia la strada più sensata per miglioraci e crescere.

“Pace interiore”: certo non si tratta di una sostanza che si possa acquistare a peso. Personalmente, credo che la serenità interiore sia frutto di ricerca e di impegno.

Tanto tempo fa, ebbi modo di leggere un libro di brevissimi racconti. Uno di questi, narrava la storia di un artigiano del tutto speciale: un uomo di pochissime parole e orgoglioso del suo lavoro. Lui era un fabbricante di mattoni. 

“ Era visibilmente orgoglioso del suo lavoro. Sceglieva l’argilla migliore, un po’ ceracea. Usava l’acqua del torrente, e pareva che la volesse raccogliere nel momento  fiammante della giornata, quando essa portava in sé i riflessi della trasparenza del cielo”.

“Le sue mani non modellavano ma accarezzavano..”

Come suggerisce il racconto (*), ciascuno di noi, in fondo, costruisce mattoni, mattoni fatti di argilla, mattoni fatti di azioni, mattoni fatti di parole e mattoni fatti di sentimenti. Ed è con questi che costruiamo la nostra vita.

Se ciascuno di questi mattoni è “a caso”, senza gioia e senza il chiaro intento di costruire una bella casa, la nostra vita ci sfugge di mano. Se poi costruiamo una casa che desideriamo sia abitata anche da altri, forse, è bene che ci chiediamo cosa facciamo ogni giorno perché questi “altri” rimangano nella casa.

Nulla avviene per caso. Se alimentiamo la nostra vita di sotterfugi e di paure, se non agiamo concretamente per costruire il rapporto con le persone che “sono nella casa con noi”, con tutta probabilità andremo incontro ad un nuovo equilibrio.

Forse ci sveglieremo chiedendoci come sia successo che nella nostra casa siamo rimasti solo noi oppure, meglio, ci sveglieremo in tempo e ci accorgeremo che ogni mattone merita una grande attenzione, intenzione e azioni concrete, per unirsi agli altri. E questo credo valga sia per la nostra casa interiore (il rapporto che abbiamo con noi stessi) che per la casa che desideriamo condividere con altri.

Il mio augurio, per questo Natale e per il nuovo anno è molto semplice: imparare tutti l’arte di fabbricare mattoni.

(*) Spunto liberamente tratto dal testo: “L’Isola delle parole trasparenti” – S. De Giacinto – Vita e Pensiero –

Un’idea regalo per un Natale splendente

Per un Natale felice e splendente, regala un voucher per un trattamento.
Per acquistare il voucher invia una mail a info@dottoressa-stelian.it

voucher trattamenti, regali di Natale

Mastoplastica

La mastoplastica mista, cioè l’intervento al seno, consiste nel posizionare delle protesi al silicone subito sotto la ghiandola mammaria ( tecnica sottoghiandolare), oppure sotto il muscolo pettorale (tecnica sotto-muscolare). La scelta dipende dalle caratteristiche fisiche. Se la donna è molto magra, è opportuno optare per la soluzione sotto-muscolare per evitare che, in occasione di un qualsiasi movimento distensivo, o contrazione dinamica del seno (come sollevare pesi), si percepisca la presenza della protesi e, quindi, di un seno non naturale. Oggi però, è possibile soddisfare l’esigenza di ottenere un seno prosperoso e in modo molto naturale anche in donne magre con una metodica innovativa e non invasiva, ci spiega la dottoressa Gabriela Stelian, dello studio medico Prisma di Milano, specialista in chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica. La soluzione è la “mastoplastica additiva composita”, che prevede l’inserimento delle protesi in silicone con la tecnica sotto ghiandolare, con l’aggiunta del proprio grasso, prelevato in altre zone del corpo. Quindi ben venga qualche rotolino di grasso a cui attingere.

Come avviene l’inserimento del grasso

In contemporanea all’intervento di mastoplastica additiva, il chirurgo preleva il grasso in eccesso, attraverso apposite cannule. Dopo aver centrifugato e depurato di tutte quelle sostanze “sporche” per ottenere un concentrato di cellule staminali e grasso “vivo”, lo inserisce sempre attraverso cannule molto sottili, direttamente nel seno. Il grasso serve ad avvolgere e “imbottire” la protesi, aumentando così lo spessore del tessuto sottocutaneo contribuendo a rendere meno evidente la protesi stessa e ridurre, sia alla vista e sia al tatto, la sensazione di seno ricostruito.

Il post intervento

È possibile avvertire una sensazione di indolenzimento, simile a quello che si prova dopo un inrenso allenamento dei pettorali, che si attenua progressivamente nel giro di due-tre giorni. Subito dopo l’intervento, per le due- tre settimane successive si consiglia di indossare un apposito reggiseno per favorire il corretto posizionamento delle protesi. È possibile la ripresa dell’attività professionale e sociale dopo 48 ore.

I vantaggi

I vantaggi di questa tecnica sono tanti. Si tratta di un intervento chirurgico meno invasivo di quello tradizionale (sotto-muscolare). L’inserimento della protesi nella fascia sotto ghiandolare rende l’intervento meno doloroso e riduce i tempi di recupero. Non prevede l’anestesia generale, bensì quella locale. Il risultato è un seno che segue i movimenti del corpo e quindi conferisce un aspetto naturale. Non esiste la possibilità di rigetto poiché il grasso trapiantato è della persona stessa.

Gli svantaggi

È impossibile conoscere preventivamente il tempo del riassorbimento del grasso. Trattandosi di una sostanza vitale, ha un ciclo di vita che varia da persona a persona. Ciò non significa che il seno perda pienezza e rotondità da un giorno all’altro; può ridursi, malgrado le protesi. È comunque, un inconveniente facilmente correggibile, poiché è possibile, mediante un intervento in anestesia locale, ripetere il lipofillilng (inserimento di grasso autologo).

I suggerimenti

Si consiglia controlli annuali. Le protesi mammarie non hanno una data di scadenza, ma dopo dieci anni può aumentare il rischio di rottura. È quindi necessario verificare periodicamente il loro stato di salute. È opportuno scegliere la struttura sanitaria idonea a questo tipo di intervento e assicurarsi che il medico sia chirurgo specialista in chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica.

I costi

Trattandosi di un intervento che prevede più tecniche combinate (la mastoplastica additiva, il prelievo di grasso e il successivo suo inserimento), i costi possono variare da 6mila a 8mila euro in base alla complessità dell’intervento.

[tratto da: http://obiettivobenessere.tgcom24.it/2015/05/29/magre-e-prosperose-con-lintervento-al-seno/#more-4928]

SMAGLIATURE

Smagliature: cause, prevenzione e cure

Le smagliature sono un inestetismo di difficile soluzione. I moderni trattamenti chirurgici ed estetici consentono tuttavia di ottenere risultati di grande efficacia.

Vediamo come grazie ai consigli della dottoressa Gabriela Stelian, sul blog di TGCOM24 “OBIETTIVO BENESSERE”:

http://obiettivobenessere.tgcom24.it/2015/02/05/come-combattere-le-smagliature/#more-4734

EPILAZIONE DEFINITIVA

La nuova frontiera dell’epilazione definitiva

Le moderne tecniche di epilazione ‘definitiva’ mirano a distruggere in maniera selettiva e permanente il follicolo del pelo impedendone la ricrescita. I risultati ottenibili sono eccellenti, spesso sorprendenti, anche con poche applicazioni.

I consigli della dottoressa Gabriela Stelian, sul blog di TGCOM24 “OBIETTIVO BENESSERE”:

http://obiettivobenessere.tgcom24.it/2015/01/13/epilazione-definitiva-contro-i-peli-superflui/

LIFTING 3D

Lifting 3D: l’arte di modellare il contorno del volto

Il Lifting 3D (Lifting Tridimensionale) consiste in una serie di metodiche, non prettamente chirurgiche, che consento di modellare, in modo molto naturale i tratti del viso donando armonia, volume e freschezza, senza dover ricorrere al bisturi, in modo non traumatico o invasivo.

I consigli della dottoressa Gabriela Stelian, sul blog di TGCOM24 “OBIETTIVO BENESSERE”:

http://obiettivobenessere.tgcom24.it/2014/12/16/il-lifting-3d-efficace-e-poco-invasivo/

Pagina 1 di 3123